Vasca riabilitativa di 9x6m con acqua riscaldata a 33°. Due diverse profondita (110 e 130 cm), camminamenti in acqua calda e fredda, area idromassaggio e attrezzatura specifica per riabilitazione in acqua.


L’idrokinesiterapia trova diversi campi di applicazioni nel panorama delle patologie sia in fase acuta o sub-acuta che in fase cronica, con conseguente coinvolgimento dei diversi apparati, e divenendo di fatto, il mezzo terapeutico acquatico, uno strumento importante in un progetto terapeutico, in cui poter studiare l’esecuzione del movimento in assenza di gravità.

In alcuni casi ortopedici e neurologici l’idrokinesiterapia diventa una modalità di trattamento elettiva. La possibilità di variare il carico, attraverso l’uso dei vari livelli dell’acqua e il diverso volume degli ausili galleggianti, può influire, assieme ad altri fattori come la velocità di esecuzione, la resistenza ed il controllo esterocettivo, alla rimessa in carico veloce e/o alla ripresa funzionale. Sempre in campo ortopedico, si evidenzia sempre di più, l’utilità della rieducazione in acqua, nella sua componente più legata alla riprogrammazione precoce dello schema corporeo, al rilassamento raggiungibile attraverso la respirazione in determinati assetti, come supporto al trattamento delle algie vertebrali.

L’idrokinesiterapia, in riabilitazione rappresenta un forte strumento terapeutico, poiché la pratica di tale attività assume un significato terapeutico inteso come integrazione al programma riabilitativo attuato in palestra e con esso ne condivide gli obiettivi terapeutici.

La riabilitazione in acqua deve essere sempre effettuata sotto prescrizione medica, previa valutazione anche delle condizioni cliniche generali e di eventuali contro indicazioni.

PRESTAZIONI